Dobbiamo proteggere i casino online legali

Meno male che tutto il comparto del gioco d’azzardo lecito, vessato da una concorrenza sleale ed assoluta da parte di attività illegali e prive di concessioni e licenze, ha dalla sua parte il Governo che recentemente ha dichiarato più volte di voler “combattere” contro l’illegalità con qualsiasi mezzo (lecito ovviamente). Queste affermazioni sono “una boccata di aria fresca e salutare” per gli operatori del settore che hanno visto “scemare” i propri introiti proprio a causa dell’illegalità. Certamente queste “azioni di forza” da parte delle istituzioni per la tutela del gioco legale daranno maggiore impulso all’avvio dell’ottimazione della distribuzione dei prodotti di gioco e, finalmente, restituiranno “il gioco” agli operatori onesti.

Non vi è settore industriale che non “paghi” la concorrenza sleale e questo si ravvede anche nell’industria del gioco che piano piano ha dovuto subire “il prendere piede” dell’illegalità: si spera quindi che questo sia al termine e che tutto “rientri nei ranghi” anche perchè per gli operatori leciti vi sono notevoli pressioni fiscali ed oneri amministrativi e finanziati elevati che ovviamente non hanno le entità “non autorizzate”. Il gioco legale ha mantenuto per lungo tempo un presidio territoriale che ha avuto la funzione di “prevenzione” dell’illegalità, ma recentemente ha dovuto quasi cedere “lo scettro” al mondo illegale date le vicissitudini che il mondo del gioco pubblico ha subito sia da parte delle istituzioni, che dei media, che dei cittadini: speriamo sia veramente tutto finito e che la fiducia che si ha nel Governo… sia ben riposta.